LA ZTL VA FERMATA CON BATTAGLIA POLITICA, NON GIUDIZIARIA!

palermovsztlnuovaprotesta

Come da noi previsto, oggi, 7.12.2016, il TAR Palermo ha rigettato la richiesta di sospensione della nuova ZTL 1.

Abbiamo sempre sostenuto la necessità che la battaglia per la revoca della ZTL avvenisse sul piano politico, e non giudiziario.

I giudizi, per loro stessa struttura e configurazione, non tengono conto delle istanze più profonde della gente, delle loro esigenze più vere, quali quella di sussistere e di essere liberi. I giudizi purtroppo, ed almeno in Italia, finiscono col trasformare tutto in beni economicamente apprezzabili, in dubbie equazioni di tipo aritmetico, finendo col trascurare tutti quegli aspetti che rendono la vita degna d’essere vissuta. Nel caso di specie sono in gioco insopprimibili istanze di libertà che il popolo palermitano intende, invece, portare avanti con ogni forza.

I commercianti, ma anche molti altri operatori e residenti della zona ZTL, hanno subìto (e continuano a subire) danni difficilmente quantificabili e riparabili, e si sono visti privati della libertà mediante un tratto di penna di una giunta comunale che non rappresenta più nessuno e che sarà spazzata via, definitivamente,  alle prossime elezioni comunali.

Per quel che riguarda Forza del Popolo, comincia oggi, e si spera senza più boicotaggi da parte di enti, associazioni e consiglieri comunali che hanno interessi tornacontistici, la Protesta Politica contro la ZTL.

Ogni cittadino, associazione, ente o movimento è invitato a prendere parte sia alla fase organizzativa che attuativa per recuperare inviolabili SPAZI DI LIBERTA’!

LA ZTL VERRA’ ANNULLATA, COSTI QUEL CHE COSTI!

In allegato l’ordinanza di rigetto del TAR Palermo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *